Museo Virtuale Il nomeLa storiaI luoghiLa memoriaPost scriptum  


Gli amministratori e i politici
Gli architetti
Gli ingegneri
 
  Alfonso Cossa

Di nobili origini, nacque a Milano il 3 novembre 1833. Nel 1857 Cossa si laure˛ in Medicina presso l'UniversitÓ di Pavia. I suoi interessi per˛ si orientarono verso la Chimica Agraria.
Cossa tradusse due opere del famoso chimico tedesco J. Von Liebig - I principi fondamentali dell'agricoltura (1855) e La teoria e la pratica dell'agricoltura (1857) - proponendo al grande pubblico l'uso innovativo dei fertilizzanti inorganici.
Nel 1861 Cossa divenne professore di Chimica all'UniversitÓ di Pavia e preside del locale Istituto Tecnico. Nel 1866 il professore fu chiamato ad Udine da Quintino Sella con l'incarico di fondare il locale Istituto Tecnico, di cui divenne preside e docente fino al 1872.
Per influenza di Sella, mineralogista e cristallografo insigne, l'interesse di Cossa si spost˛ dalla chimica agraria a quella mineralogica. Nell'anno 1872-1873 Cosa fu direttore e professore della Scuola Superiore di Agricoltura in Portici, poi fu chiamato a Torino come direttore della Stazione Agraria (1873-1882) e professore di Chimica Agraria al Regio Museo Industriale. Dal 1882 egli fu professore di Chimica Docimastica. Cossa fu membro di numerose istituzioni italiane e straniere, tra cui l'Accademia Nazionale dei Lincei (dal 1877) e l'Istituto Lombardo di Scienze e Lettere. Fu anche presidente della Reale Accademia delle Scienze di Torino e fece parte del suo comitato geologico.
Nel 1887 Cossa venne nominato direttore della Scuola di Applicazione per Ingegneri, carica che tenne fino alla morte, avvenuta a Torino il 23 ottobre 1902.
Il nome del chimico Ŕ legato alla scoperta della platosemiammina - la base del Cossa - e alla ricerca mineralogica. Ricordiamo il libro Ricerche chimiche e microscopiche su rocce e minerali d'Italia (1875-1881).
Cossa fu creatore della collezione di circa novecento grandi sezioni sottili di rocce, conservate nel Museo Geomineralogico della Scuola di Ingegneria di Torino, nel Castello del Valentino.


 
 
 
  
  HOME   MAIL   CERCA IL NOME    LA STORIA    I LUOGHI    LA MEMORIA    POST SCRIPTUM